Combray

Peregrinazioni

In Cinema, Letteratura, News on 31 luglio 2013 at 20:37

alida valli_la vita ricomincia

Nelle mie peregrinazioni cinematografiche, mi sono imbattuto spesso in cestoni pieni di DVD in supermercati di infimo ordine che contenevano capolavori dimenticati.

Tempo fa incrociai un vecchio film di Mario Mattoli con Alida Valli, Fosco Giachetti ed Eduardo De Filippo dal titolo “La vita ricomincia”. Tutto ad 1,90 euri, recitava l’infame cartello con evidente maldestro errore di sintassi. Mi meravigliai non poco del proletario prezzo, che campeggiava tristemente fra un bancale di orzate ed un addetto ad i cellulari che cercava di convincere un pensionato esodato della bontà dell’ultimo piano tariffario di Yumdt, che prevedeva chiamate illimitate gratuite in Nepal per sherpa e loro congiunti.

Il cestone messo lì a bella posta per tentarmi, mi tentò, e rovistai attentamente per controllare quante copie vi fossero del dramma mattoliano del 1945. Le copie erano tre, colto da un improvviso attacco di micragneria culturale e convinto che il paese non fosse ancora pronto per tutto questo, incautamente tirai dritto.

Ma le mirabili decadenze che affliggevano lo stivale, ebbero quei giorni di Aprile un sussulto. Io, che chiuso nel mio sapere avevo sempre denunciato lo stallo filmico del medio spettatore italiano, tornai e non trovai nulla. Vendute, ritirate dal mercato, fallate per un problema tecnico e rottamate, che fine avevano fatto? Mi avvicinai tremebondo all’omino dei cellulari, con l’euro e novanta che avevo preparato con cura che mi tintillava nelle tasche e chiesi lumi.

Mi guardò come per decifrare un enigma e chiamò un suo collega per un consulto. Dopo aver ridacchiato un po’ mi risposero di non conoscere il film e che comunque loro con dei segaioli non volevano aver niente a che fare, aggiungendo che il loro market film porno non ne vendeva e di rivolgermi alla videoteca sulla statale che trattava ogni genere di nefandezza. L’omino dei cellulari poi sfruttò abilmente la situazione che mi vedeva alle corde, per vendermi un piano tariffario agevolato di Pocafone che prevedeva l’uso dello smartphone come sonda per il controllo dei cestoni metallici di dvd. Uscii sopraffatto dal dolore e con lo smartphone impazzito che, entrato in risonanza col navigatore, bippava a più non posso segnalandomi immense praterie.

Salvai il film qualche anno dopo una notte a raitre. Alida Valli, teneramente canta “Io t’ho incontrato a Napoli” brano che Hoagy Carmichael scrisse nel 1945 quando con le truppe alleate risalì lo stivale. Anche se i miei canali su YouTube sono in fase di stallo, potete ancora trovare alcune sequenze su Epifanies.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: