Combray

Invito all’atto

In Cinema, Letteratura, Libri, News on 12 maggio 2013 at 07:52

invito all'atto settimo anno

E’ incredibile come un anno come il 1978, concentri il bene ed il male di questo paese con una violenza tale che io oggi lo ricordo con effimera benevolenza, dato che avevo 13 anni e tutto scorreva come un fiume ombroso che mi rendeva trasparente nel giudizio dei fatti.

Non potevo nè volevo essere manicheo, non compilavo classifiche di avvenimenti, tutto era cervelloticamente elaborato dal mio essere ed accantonato per futuri impieghi. Felice Gimondi e Franco Bitossi si ritirarono in quell’anno, Brigitte Bardot intraprese una dura lotta contro i cacciatori di foche e la Fiat, quando ancora le auto erano in due volumi, presentò la sua ultima nata, la Ritmo, macchina dall’anodino profilo che non venne mai associata a niente, nè a poliziotti deviati nè a brigatisti fuoriusciti.

Ma il 16 aprile del 1978, quello si lo ricordo chiaramente. E’ domenica sera e nel ciondolare televisivo del dopocena familiare, mi apprestavo a vedere “Settimo Anno”, show animato e condotto da Lando Buzzanca e Nadia Cassini. Nel corso del suddetto programma, ad un certo punto l’attrice italoamericana comparve inguainata in collant neri con slip incorporato che le scopriva ampiamente le natiche, volteggiare leggiadra e voluttuosa attorno ad un arrapato Lando Buzzanca, che non mi piaceva nemmeno tanto come attore, di cui però avevo apprezzato l’intensa prova di recitazione fornita nel film L’Arbitro.

Mi arrapai anch’io, ma di nascosto, anche se mio padre era solito dormire davanti alla tele e mia madre lavava i piatti e rassettava la cucina, per cui si presentava in salotto sul tardi. Quella notte dormii un sonno sereno, oseri dire del giusto, senza inutili sprechi di energia che pur in quegli anni affrontavo.

Nadia Cassini che allora aveva 29 anni, venne denunciata per oscenità da un avvocato di Firenze, Marco Romer 39 anni sposato e padre di due figli. Molto pacatamente il Romer spiegò che il balletto altro non era che un inequivocabile invito all’atto contro natura. Io, che allora consideravo contro natura solamente l’utilizzo di supposte per far scendere la febbre, non capii e tirai dritto.

Il 21 aprile passò inosservato il seno nudo di Carla Gravina in Madame Bovary. Evidentemente il seno anni ’70 che aveva una sua precisa e definita struttura oggi dimenticata, per definizione risultava essere poco pruriginoso, termine con poco senso che ha sempre evocato in me terapie a base di cortisone. Non vidi Madame Bovary, ma apprezzai Flaubert in seguito per darmi un tono, anche se quell’anno in cima alla lista dei personaggi che più mi influenzarono ci fu sicuramente la tedesca Helga (nome che già allora mi provocava violenti orgasmi) Jensen, 23 anni che divenne famosa per aver spinto un pisello con il naso. Lo fece rotolare per due chilometri così, con naturalezza e perizia tutta teutonica. Feci di tutto per contattarla ma il suo staff molto gentilmente mi rispose che Helga, per natura schiva, non rilasciava interviste. Non seppi più nulla di lei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: