Combray

Life of Pollo

In Letteratura on 18 novembre 2012 at 08:43

Pollo Stemmer non amò molto i suoi genitori, per via del curioso nome con cui il 14 dicembre del 1901 venne registrato all’anagrafe di Penville nel Wisconsin. Di soldi tuttavia ne fece a palate, grazie alla sua ingegnosità e facendo suo un vecchio motto di Felice Cadmeo, il quale recitava che; se un medium è freddo, beh tanto vale conservarci della carne.

Dopo rapidi progressi nelle staccionate pieghevoli ed una raggiunta felicità coniugale con la sua dolce metà Gerarda Klotzerr, tirò dritto anche nella crisi del 1929, piazzando le sue staccionate davanti alle banche di NYC,  fino alla famosa copertina di Time in cui Pollo era immortalato nel giardino della sua magione a Long Island, intento nella coltivazione di Orchidee Vaginalis.

Ma, nel campo dei magnati i rovesci sono all’ordine del giorno e, così come l’avvento della macchina da scrivere decretò la fine dei fabbricanti di sputacchiere, così Pollo, avido trafficante di denaro, fallirà miseramente con un brevetto secondario relativo all’impiego di pile da 9V nella costruzione di sedie elettriche. Un complicato meccanismo di batterie da 9V poste in serie, rendeva portabile il terribile dispositivo, ma è proprio questa portabilità che folgorò Meck Dollyworth, un corriere del Kansas che durante una consegna ci si era appoggiato un attimo.

Le lunghe cause post-folgorazione ridussero Pollo sul lastrico, ed anche la Corte Suprema si espresse molto duramente sulle sedie elettriche portatili, con una nota che paventava effetti monopolistici sul mercato globale di sedie e che, se questa era peculiarità americana, tale doveva rimanere. Si aggiungeva inoltre che, male aveva fatto il corriere Meck ad appoggiarvisi, per cui da rivedere erano anche le norme che regolavano le spedizioni di materiale elettrico. La visione non molto chiara dell’intera faccenda, ebbe come conseguenza lo smontaggio in tutto il paese delle staccionate di Pollo, che gli vennero riconsegnate nella sua casetta di Penville, dove si ritirò e dove ebbe legna da ardere fino al 1981.

Sembra, ma questa è una mia personalissima ipotesi, che nel 1948 Mario Camerini gli dedicò il film “Molti sogni per le strade”, ma qui bisognerebbe aprire una parentesi sul cinema neorealista come genere o come contenitore di generi, ma questa è un’altra storia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: