Combray

Un quindici maggio

In Libri on 24 giugno 2012 at 18:45

E’ il quindici maggio del 1973. La scuola sta per finire, il senso di indicibile felicità di avere otto anni, permea la mia vita semplice ed inconsapevole. Qualche fumetto, la tivù dei ragazzi e il mare. La storia è presto detta, duecento lire risparmiate per recarmi in edicola, unico eldorado concesso in anni da altri epitetati di piombo, per me invece malleabili come la mia anima di stagno.

La copertina che cerco si staglia a colori in un mondo che ricordo in bianco e nero. Gli altri universi supereroistici mi sembravano vuoti, non mi ero mai appassionato all’asessualità cattolica di un Clark Kent dominato da una virago lesbica come Lois Lane, né a quel sottile legame omosessuale che legava Bruce Wayne al suo giovane pupillo Dick Grayson. Ma nel fumetto contano gli autori, per cui qualsiasi personaggio seriale è un sacco vuoto, riempito di volta in volta di una linfa diversa, e quindi l’Uncle Scrooge di Carl Barks o le storie di Topolino di Romano Scarpa, rappresentano per il fumetto ciò che Dostoevskij o Balzac rappresentano per il grande romanzo dell’ottocento.

Il numero 55 dei Fantastici Quattro mi attendeva con un titolo carico di aspettative, ed una copertina che devastò le mie poche certezze di allora: “L’amara feccia della sconfitta”. Un Jack Kirby che oso definire Michelangiolesco, affresca una copertina in cui c’è tutto il male di un mondo che, arrivato ad un bivio, non ha più bisogno di eroi. Il Dottor Destino si erge ad infame creatore delle umane nequizie,  puntando il dito su di uomini sbandati. Johnny Storm è piegato su un lato e si copre la testa con una mano, Reed Richards stringe a se la sua compagna in un inutile atto consolatorio. Drammatica è l’immagine di Ben Grimm vuoto di energie, a testa bassa e con i pugni chiusi. Sul lato sinistro in basso, un affranto e meditativo Wyatt Wingfoot. Tutt’attorno macerie e devastazione in un day after senza speranze. 

Tornai a casa con il cuore in gola, aprii convulsamente il melzi che, definiva feccia, in linguaggio figurato, la peggior gente della società e fecciume quantità di feccie, gentaglia. Cominciai a leggere, dimenticando perfino che era martedì ed alle 17,45, sul primo canale alla tivù dei ragazzi, davano Gli Eroi di Cartone. Il Dottor Destino che, ricordiamo ai più sprovveduti servirà da modello per il Darth Vader di Star Wars, dopo aver annichilito Silver Surfer ed essersi impadronito della sua tavola, vola da Latveria verso New York e qui, sfruttando il potere cosmico dell’Araldo di Galactus, l’incredibile criminale sferra l’attacco definitivo al Baxter Building.

Nemmeno il rischioso uso del disconnettitore gravitazionale servirà a fermarlo, Doctor Doom riapparirà dai rottami gravitazionali intonso e con la consapevolezza di essere invincibile. Ma, invece di distruggere definitivamente i Fantastici Quattro li abbandonerà alla loro impotenza, considerandoli così poco importanti da non desiderare nemmeno la loro distruzione. Esanime mi accasciai sul divano, fortemente preoccupato per le sorti dei miei beniamini di cui avrei riavuto notizie soltanto quattordici giorni dopo, con il numero 56 intitolato “Il giorno del giudizio”.

Fu un maggio come altri di quegli anni, il 6 nella città tedesca di Costanza, Kurth Kohls inaugurò il suo sesto “Eros Center” con cui in Germania aveva organizzato su base industriale la più vecchia professione del mondo, il 12 Lex Barker morì improvvisamente in una strada centrale di Manhattan, il 24 la camera concesse l’autorizzazione a procedere  contro l’on. Almirante per “ricostituzione del disciolto partito fascista”. Mi addormentai quella sera madido di incertezze sul futuro del globo terraqueo e dell’italico stivale. Ebbi un sonno agitato ma mi risvegliai sereno, accatastai la pila di fumetti sul comodino feci colazione, preparai la cartella, uscii e mi recai a scuola. Sulla strada notai la vita scorrere imperscrutabile come sempre, con l’inflazione all’11%  e le idee molto confuse su cosa fosse un eros center.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: